Atton de Verceil, Polipticum quod appellatur Perpendiculum

Envoyer Imprimer

atton.png

Atton de Verceil, Polipticum quod appellatur Perpendiculum. Edizione critica, traduzione e commento a cura di Giacomo Vignodelli. Con un saggio di Luigi G. G. Ricci, Florence, 2019.

Éditeur : Sismel - Edizioni del Galluzzo
Collection : Edizione Nazionale dei Testi Mediolatini d'Italia, 54
VI-338; IV-302 pages
ISBN : 978-88-8450-901
120 €


Il Polittico di Attone di Vercelli è una delle opere più importanti del X secolo: difesa dell'istituto regio e feroce critica dei potenti del secolo si uniscono in un'interpretazione episcopale e profetica della storia del regno italico, che offre una cruda e attenta analisi dei meccanismi della lotta politica coeva. Composta tra 952 e 958, è una delle rare voci anti-ottoniane che siano giunte fino a noi: per Attone, infatti, il re di Germania è solo l'ultimo di una lunga serie di usurpatori che hanno cercato di conquistare con la forza il trono italico. Il Polittico è anche uno dei primi esperimenti di reinterpretazione del genere satirico in chiave cristiana, ponendosi in dialogo con l'interesse degli autori e degli scholastici coevi per i poeti satirici antichi. Ma la fama dell'opera è legata soprattutto alle sue caratteristiche compositive: è infatti elaborata secondo uno stile ‘glossematico', che mira alla complessità e alla densità concettuale a ogni suo livello. Lessico ricercato, ordo verborum artificioso e impiego sistematico di tropi retorici compongono un testo talmente arduo da necessitare una seconda redazione esplicativa, progettata da Attone secondo il modello dell'opus geminum e corredata da un fittissimo apparato di glosse di commento. Fonte imprescindibile per la storia politica e letteraria dell'Italia post-carolingia, l'opera è rimasta a lungo ai margini degli studi a causa dei dubbi, ormai superati, sulla sua paternità e per la conseguente mancanza di un'edizione critica completa del corpus testuale che la compone. Il volume offre l'edizione di entrambe le redazioni e dell'intero apparato di glosse (che si può avvalere anche della scoperta di un nuovo testimone), la traduzione italiana completa, un commento storico e filologico e uno studio delle fonti di Attone, condotto sui manoscritti conservati nella Biblioteca Capitolare di Vercelli. Il lavoro è corredato dal saggio di L. G. G. Ricci sulla tecnica compositiva delle due redazioni anche relativamente al cursus.

 

Source : SISMEL - Edizioni del Galluzzo

 

Inscription à la lettre d'informations



Recevoir du HTML ?

Identification